"Le Donne danzanti nel vento, simbolo del Sentiero d’Arte, portano al di là dei confini di Trarego un messaggio di libertà, vita, unione tra terra e cielo, tra materia e spirito."

Casa Erika

frau_white
erika


Galleria fotografica




Gli artisti

  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Wagner
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Lier-Hirning
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Prücker
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
  • Scarsi
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
wagner

Erika Wagner


Erika Wagner è nata in Germania ed è cresciuta a Duisburg. Ha studiato all’Accademia FH di Krefeld e all’Accademia Europea d’Arte di Trier. Vive come artista libera professionista sul Lago Maggiore.
Con i suoi personali accostamenti di colore riesce a creare nelle proprie opere armonia e tranquillità. Il legame ed il contatto con la natura hanno plasmato l’artista e si riflettono nel suo lavoro.
Erika Wagner ha esposto in mostre personali in Germania, Inghilterra, Italia e Svizzera. I suoi quadri sono visibili nella galleria d’arte che gestisce a Cannero Riviera.

Sito web: www.erikawagner.it
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
lier

Charlotte Lier-Hirning


Guscio - Germoglio - Fiore
L'uovo, simbolo di vita nascente e ancora racchiusa, è se non cronologicamente, almeno tematicamente l'inizio: la forma perfetta, il guscio ruvido, la condizione precaria, la vita nascosta all'interno, il segreto che non si rivela se non a costo della distruzione.
Germoglio: rottura della forma, dolce potenza della vita.
L'organico contro l’inorganico, il movimento contro la rigidità, la sottigliezza contro la grossolanità, il dispiegamento contro la costrizione. Magnifico è il momento della rottura del guscio: mattina, inizio, primavera. I fiori accompagnano tutta la nostra vita come stelle di speranza. Hanno rotto i gusci, espulso gli involucri, finito il viaggio. Il loro messaggio è inviato, la loro situazione è definita.
Charlotte Lier-Hirning è incantata dal momento della trasformazione, dal bocciolo più che dal fiore, dalla primavera più che dall’estate, dall’evoluzione più che dalla forma.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
prucker

Ingrid Prücker


Amo la consistenza terrosa dell’argilla e mi esalta realizzare qualsiasi opera che possa arricchire e decorare un giardino.

Ingrid Prücker ha il suo laboratorio di ceramica a Dietersdorf (Ostb. Germania).
Lavora per diverse aziende a Bayreuth, Bad Godesberg e Norimberga.
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it
scarsi

Giancarlo Scarsi


Giancarlo Scarsi dipinge sensazioni, momenti e luoghi dove è stato e dove vorrebbe essere. Crea luoghi immaginari o rimembrati dove si è trovato bene e in pace con se stesso. Anche con l'intento di riprovare quella emozione e di fissare nel tempo quel magico momento, quella intensa percezione.
I personaggi, che non hanno un volto visibile, ma sono sempre ritratti di spalle, lasciano spazio all’immaginazione ed alla inevitabile introspezione che dal singolo quadro si proietta, come dal particolare all’universale, verso i meandri più nascosti dell’animo umano. Così, all’osservatore non sfugge la valenza psicologica che assume il “silenzio”, protagonista indiscusso dell’opera, permeando paesaggi e persone di suoni percepibili solo da chi, con vera sensibilità estetica, sa mettersi in sintonia con un’opera d’arte “Senza Tempo”.

Giancarlo Scarsi vive a Masio, in provincia di Alessandria.
Nasce nel 1956 e fin dai tempi della scuola dimostra una passione per il disegno e le arti figurative. Dopo avere frequentato il liceo scientifico consegue la laurea in architettura a Torino nel 1981 e dall'anno successivo svolge l'attività di libero professionista.

Sito web: www.giancarloscarsi.it